Stai a vedere che Linkedin funziona!

Leonardo Bellini

Leonardo Bellini

 

Leonardo Bellini l’ho conosciuto qualche mese fa a Palermo. Di lui mi hanno colpito i modi garbati e una simpatica trasandatezza, di quelle che fanno intuire focus molto netti. Ciò che tuttavia mi ha affascinato senza se e senza ma, è il fatto che lui riesca a stringere relazioni di lavoro su Linkedin, un social su cui siamo tutti, ma che ad oggi ancora non ho capito come accidenti funziona. Ho chiesto a lui…

 

Ciao Leonardo, ci racconti qualcosa sui tuoi focus attuali?

Ciao Francesco, attualmente sto lavorando su più fronti: da una parte sto approfondendo le mie competenze non solo su LinkedIn ma anche sul social selling, un tema in USA molto caldo ma in Italia ancora poco conosciuto; dall’altra sto lavorando ad una startup che mira  a fare leva sul concetto di “affinità sociale” per sviluppare un insieme di servizi basati sulla neurolinguistica; ad oggi non posso dirti di più in merito.

Ti ho accennato al Social selling, il tema che ho affrontato durante il mio speech al WMT di Cagliari dove anche tu eri presente tra i relatori; fare social selling per un’azienda significa intraprendere un percorso di cambiamento, non solo tecnico-operativo ma anche culturale. Occorre mettere in discussione il modo con cui la forza vendita ha lavorato per decenni (telefonate a freddo, attività commerciale aggressiva) per abbracciare una modalità più inbound, basata sulla costruzione di una relazione con i potenziali acquirenti improntata sulla stima e reciproca fiducia, sul riconoscimento della propria competenza ed expertise.

 

Per molti LinkedIn è un social utile a trovare lavoro, ma serve solo a questo?

Assolutamente no,  LinkedIn  può aiutare a far raggiungere obiettivi differenti a soggetti differenti, e la ricerca di lavoro è solo uno di questi:

  • Per il Manager LinkedIn rappresenta una grande opportunità per coltivare relazioni tra pari (per esempio con colleghi di altre industry che devono affrontare le stesse problematiche o sfide professionali) oltre che un modo per rafforzare il proprio personal brand e diventare  un esperto affermato di settore e per aprirsi a nuove opportunità di carriera e sviluppo lavorativo
  • Per chi si occupa di vendite, per consulenti e freelance, LinkedIn è il social network più efficace per conoscere e generare contatti qualificati (lead generation) e per coltivare e rafforzare nel tempo questo tipo di relazioni (lead nurturing) fino ad arrivare alla chiusura del processo di vendita (social selling)
  • Per chi all’interno della funzione Risorse Umane o lavorando in una sociietà di ricerca e selezione del personale, si occupa di recruiting , LinkedIn è il social network più qualificato per favorire l’incontro tra domanda e offerta e scoprire talenti da contattare e portare in azienda, anche se questi non stanno attivamente cercando un nuovo lavoro in quel momento
  • Per i neolaureati o in generale chi è alla ricerca di lavoro, LinkedIn è lo strumento forse più evoluto per candidarsi e partecipare alle migliaia di offerte di lavoro pubblicate su LinkedIn.

Ti ho tracciato il profilo di 4 persone differenti: il Manager, Il Sales Specialist., l’HR Recruiter e il Job seeker. Per ciascuno di essi LinkedIn ha creato una serie di servizi a pagamento disponibili passando ad una versione Premium del proprio account su LinkedIn.

 

Gestisco tutti i miei rapporti di lavoro attraverso Facebook. Cosa mi sto perdendo?

Ti stai perdendo a mio avviso l’opportunità di sviluppare il tuo brand Personale, di aumentare la tua visibilità, di accrescere la tua reputazione e di ricevere proposte di collaborazione o di consulenza da chi tu non conosci, ma grazie ai contenuti che hai pubblicato su LinkedIn, in particolare  su LinkedIn Pulse, ti segue, e ha imparato ad apprezzarti dal punto di vista delle tue competenze e del tuo approccio professionale. Intendiamoci, anche partecipando ai Gruppi su Facebook puoi sviluppare il tuo Brand e guadagnare la fiducia dei membri del Gruppo, ma in generale il mindset con cui i Manager aziendali, o i Buyer B2b frequentano a vivono Facebook è molto diverso di quando sono su LinkedIn. Considera che un terzo dei decision maker aziendali sono su LinkedIn, magari sono anche su Facebook ma con un cappello e un mindset (o forma mentis) differente.

 

Come definisci il networking?

Semplicemente uno speciale modo  ascoltare e sintonizzarsi sulle conversazioni più interessanti, di relazionarsi e porsi verso gli altri in maniera aperta e generosa,  per costruire legami, reti di relazioni, non solo o direttamente finalizzate per il business, anzi. Il Social business networking è se vogliamo, quella capacità di trasformare e fare leva sul social networking, anche sui legami deboli, per sviluppare il proprio business.

 

Sapresti darmi un suggerimento ampio su come usare il web per trovare lavoro?

Io partirei da  chiederti: chi è il mio “datore di lavoro o la mia azienda ideale”, poi farei una  mappatura di alcune figure chiave che ricoprono ruoli decisionali  presso le aziende a cui stai puntando e comincerei  a seguire questi profili su LinkedIn e Twitter, a interagire con i loro post, ad entrare, in una parola, nel loro radar.  Svolgendo un’attività personalizzata di engagement presso queste figure chiave sarà per te molto più facile avere una possibilità di un colloquio di lavoro, magari saranno loro stessi a proporti una collaborazione o un ‘assunzione.

 

Progetti per il futuro?

Sto scrivendo un libro su social selling, spero di completare l’opera entro l’anno, in contemporanea sto sviluppando nuovi corsi e servizi per LinkedInForBusiness.it; nei prossimi mesi ci sarà anche il lancio della startup di cui ti ho parlato all’inizio di questa intervista.

 

Per finire, quali sono i tuoi consigli ad un giovane networker?

4 consigli:

  • Cura e sviluppa il tuo personal brand, non solo sui social network per me è molto importante coltivare un proprio Blog focalizzato a mostrare le tue passioni e competenze
  • Investi del tempo ad ascoltare gli altri, a condividere soluzioni a problemi comuni, ad aiutare gli altri a raggiungere i loro sogni e obiettivi
  • Costruisci con saggezza il tuo network, sarà decisivo per la tua reputazione e il tuo brand personale
  • Tieniti aggiornamento sui trend e novità del tuo ambito di competenza, saranno ottimi argomenti di conversazione e un modo per farsi seguire e leggere dai tuoi potenziali clienti 

Rispondi all'articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *