Dominio .IT, registrazione: 5 cose da sapere per non sbagliare!

Quando si procede con la registrazione di un nome a dominio, sul quale attestare ad esempio il proprio sito Web e/o le proprie email aziendali, è bene essere a conoscenza di alcuni concetti fondamentali, al fine di sveltire la pratica di registrazione. Di seguito elenchiamo i cinque aspetti principali, utili a comprendere al meglio la procedura di acquisizione di un nome a dominio con TLD (Top Level Domain) .it.

1) Cos’è la Registration Authority?

Quando si richiede la registrazione di un nome a dominio è necessario rivolgersi presso le Autorità competenti, che si occupano di definire le regole per la registrazione e il mantenimento dei dati di tutti i nomi a dominio attestati su uno specifico TLD. Nel caso del .it la Registration Authority è quella italiana e va sotto il nome di Registro .it.  Solo attraverso il Registro è possibile richiedere, modificare o cancellare i nomi a dominio.it. Il Registro rappresenta quindi l’anagrafe di tutti i domini con estensione .it.

2) Chi è il Registrar?

Sebbene la registrazione e la modifica di un nome a dominio possa avvenire solo ed esclusivamente ad opera del Registro .it, quest’ultimo non si occupa di effettuare direttamente registrazioni per conto degli utenti finali. Quest’ultimi devono rivolgersi a terzi, ossia a società che vanno sotto il nome di Registrar. Si tratta di enti accreditati presso il Registro cui privati e imprese possono rivolgersi per procedere con la pratica di registrazione di un nome a dominio. Ogni Registrar può applicare in piena autonomia differenti tariffe per la registrazione di un dominio e, inoltre, può scegliere di associare anche servizi di hosting.

3) Come scegliere il Registrar?

In Rete è possibile trovare tantissimi provider accreditati presso il Registro .it. Sebbene la scelta del giusto Registrar possa sembrare semplice, non lo è affatto. Quando si sceglie il provider a cui affidarsi è bene tenere in considerazione alcuni aspetti importanti, come ad esempio: fare attenzione che il provider sia italiano o che quanto meno eroghi assistenza in lingua italiana; che l’assistenza sia garantita tutti i giorni, meglio se 24 ore su 24; che l’assistenza venga erogata anche telefonicamente e non solo tramite mail o ticket; che il pannello di controllo del nome a dominio sia semplice intuitivo; che venga consentita la configurazione dei DNS; che venga garantita sia la Ridondanza NS che la Ridondanza Geografica.

4) Chi può richiedere la registrazione?

La registrazione di un nome a dominio .it, a differenza di altre estensioni non è soggetta a particolari limitazioni. L’acquisizione di un dominio .it può essere richiesta sia dai soggetti privati, sia dagli enti o imprese. Inoltre possono fare richiesta tutti i cittadini di età superiore ai 18 anni residenti in uno dei paesi appartenenti all’Unione Europea. Contrariamente a quanto previsto fino al 2004, non vi sono limitazioni nel numero di nomi a dominio registrati a nome di un’unica persona.

5) Come procedere per registrare un dominio .it

Individuato il provider cui ci si vuole affidare è possibile procedere con la registrazione direttamente dal sito Internet. Durante questa fase per i cittadini privati verranno richiesti esclusivamente i dati anagrafici e sarà necessario accettare la Dichiarazione di responsabilità. Per le imprese e gli enti pubblici, oltre ai dati aziendali verranno richiesti i dati del contatto amministrativo del nome a dominio, ossia i dati della persona ritenuta responsabile della registrazione e del mantenimento del dominio.

Rispondi all'articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *