Come gestire il blog di uno shop online

Il blog di uno shop online può ottenere buoni posizionamenti nei motori di ricerca, ma non è per i posizionamenti che stai leggendo questa guida, bensì per ciò che i posizionamenti dovrebbero produrre, vale a dire traffico di utenti per il blog, da tradurre in clienti per lo shop online. Ebbene, un buon posizionamento su Google non determina automaticamente una crescita di fatturato per la tua attività, soprattutto se parliamo di posizionare un blog interno su temi che possono essere trattati da mille altri blog generici.

come gestire il blog di uno shop online

come gestire il blog di uno shop online

Occorrerà tenere ben presenti questi due punti:

  • Il blog interno di uno shop online deve sembrare il blog interno di uno shop online;
  • Il posizionamento nei motori di ricerca è spesso una conseguenza del vero posizionamento, quello nel proprio mercato di riferimento.

 

Il blog interno di uno shop online deve sembrare il blog interno di uno shop online

Appare banale scriverlo, ma pensaci un momento: gli utenti per certi tipi di ricerche, possono aprire tutti i risultati pertinenti, arrivando anche alla seconda o alla terza pagina di risposta del motore di ricerca. Se però questa ti sembra una buona notizia, tieni presente che l’utente medio in ricerca speculativa, tenderà a scorrere velocemente le pagine web che gli capiteranno davanti, per trovare direttamente e solo ciò che gli interessa. 

Ciò significa una cosa molto semplice: se non fai capire alle persone che il tuo sito web propone direttamente soluzioni in vendita, queste tenderanno a leggere il contenuto e scappare via per cercare informazioni diverse altrove. Ma di essere ben posizionato su Google, solo per vedere fuggire gli utenti, non ti interessa nulla, giusto?

Non limitarti a sperare che le persone facciano riferimento al menu principale del sito web per capire di trovarsi sul sito di una farmacia, piuttosto, concentrati su quello che succede in pagina, nel body text. 

Fornisci dettagli utili alla conversione, senza affidarti ai soli link testuali, ma aumentando la portata visiva degli elementi contenenti il link. Guarda ad esempio questo box che contiene link a prodotti raggiungibili dal blog interno di questo shop online.

conversione blog interno

dispositivi di conversione nel blog interno

 

La pagina parla della nuova collezione degli zaini Seven, ma invece di limitarsi a farli vedere, ne mostra elementi inequivocabilmente legati all’acquisto, come il prezzo e le stelle di rating.

Quando scrivo che le pagine del blog interno di uno shop online devono proprio sembrare pagine del blog interno di uno shop online, intendo fondamentalmente che le pagine in questione non devono limitarsi ad avere un link verso i prodotti pertinenti, ma devono proprio (e direttamente) venderli.

A partire da qui si sviluppano riflessioni di ordine editoriale e metodologico che fanno una differenza enorme sulla resa di una strategia di posizionamento: Sapendo che in sostanza le pagine del blog devono essere strettamente pertinenti e collegate a quelle che vendono prodotti, ci sono pagine che dovresti evitare di tenere sul blog? 

Per rispondere a questa domanda, ti suggerisco di aprire la sitemap del tuo blog interno e valutare con attenzione tutti gli articoli che contiene. Tra questi dovresti conservare solo quelli che riguardano strettamente problemi che possono essere risolti mediante uno o più di uno dei prodotti che offri nello shop. Gli altri potrebbero essere inutili o peggio fuorvianti.

E se l’articolo fuori focus ha già buone performance? 

In questo caso suggerisco di tenerlo, magari facendo partire link interni da questo verso altre pagine del blog più specifiche. Sarebbe certamente un peccato rinunciare ad un contenuto già valutato bene da Google.

E se non ho ancora un blog?

In questo caso puoi concentrarti da subito sullo sviluppare solo i contenuti più strettamente pertinenti ai prodotti in vendita nello shop online, ma non pensare che sia tutto qui, perché ora che abbiamo chiarito questi primi aspetti editoriali, resta da sviluppare una buona strategia di pubbliche relazioni. Se fin qui abbiamo guardato dentro al sito web, d’ora in avanti dovrai guardare fuori, cercando di costruire le relazioni appropriate con gli interlocutori giusti.

Fai Posizionamento, sul serio.

Rispondi all'articolo

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *